Chernobyl, ecco gli animali che prosperano nella zona di esclusione

Uno studio ha fotografato 15 specie all’interno della Zona di esclusione di Chernobyl. C’è una grande abbondanza di animali e sono state avvistate tre specie, mai osservate qui, fra cui la lontra di fiume. Ecco perché

Wired logo
  • 7
  •  
  •  

C’è vita e una vasta biodiversità anche dove non ci si aspetterebbe che ci fosse: oggi a Chernobyldopo più di 30 anni dal disastro nucleare più grande della storia, nel 1986, c’è una fauna selvatica abbondante, con specie non attese. E questo anche nella cosiddetta Zona di esclusione di Chernobyl, che copre l’area dentro un raggio di circa 30 chilometri dalla centrale nucleare, approssimativamente 2.600 km quadrati. A mostrarlo è un gruppo di ricercatori dell’Università della Georgia ad Athens, negli Stati Uniti, che conferma i risultati di un loro precedente studio e aggiunge la presenza di nuove specie, finora non rintracciate in questa zona. Gli scienziati hanno fotografato 10 specie di mammiferi e 5 di uccelli. I risultati dello studio sono pubblicati sulla rivista Food Webs.

Continua a leggere su Wired.it

Articoli correlati


  • 7
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *