Asteroide o eruzioni vulcaniche, cosa portò all’estinzione dei dinosauri?

asteroide

L’intensa attività vulcanica sembrerebbe non c’entrare nulla. Ad aver sterminato i dinosauri sarebbe stato unicamente il forte impatto di un asteroide con il nostro pianeta. A sostenerlo sulle pagine di Science è un nuovo studio di un team di ricercatori della Yale University, secondo cui appunto le violente eruzioni vulcaniche non avrebbero giocato un ruolo diretto nell’estinzione di massa dei dinosauri. In particolare, spiegano i ricercatori, le potenti eruzioni della regione indiana conosciuta oggi come i Trappi del Deccan si sarebbero verificate molto prima dell’estinzione dei dinosauri del Cretaceo-Paleogene, avvenuta 66 milioni di anni fa. L’unico colpevole? Secondo i ricercatori non c’è alcun dubbio: un asteroide.

Asteroide o vulcano?

Sebbene la maggior parte degli scienziati siano concordi sul fatto che l’evento di estinzione di massa, chiamato anche K-Pg, si sia verificato principalmente per lo schianto di un asteroide sulla Terra, alcuni ricercatori hanno tuttavia ipotizzato che anche l’intensa attività vulcanica sia stata complice dell’evento catastrofico. “I vulcani possono causare le estinzioni di massa perché rilasciano molti gas, come SO2 e CO2, che possono alterare il clima e acidificare il pianeta”, spiega Pincelli Hull, autore principale del nuovo studio. “Ma i recenti studi si sono concentrati sui tempi delle eruzioni dei vulcani, piuttosto che sul rilascio di gas”.

Il degassamento vulcanico

Per individuare i tempi dell’emissione di gas, ossia il degassamento vulcanico, Hull e il suo team hanno confrontato il cambiamento delle temperature globali e gli isotopi di carbonio contenuti nei fossili oceanici, mettendo a punti diversi modelli dell’effetto del rilascio di anidride carbonica e zolfo sulle temperature globali a lungo termine. Dalle analisi, i ricercatori hanno scoperto che la maggior parte (oltre il 50%) delle emissioni di gas rilasciate dalle eruzioni vulcanica era avvenuto molto prima dell’impatto dell’asteroide con il nostro pianeta.

“L’attività vulcanica nel tardo Cretaceo ha causato un graduale evento di riscaldamento globale di circa due gradi, ma non l’estinzione di massa dei dinosauri”, spiega Michael Henehan, che ha collaborato allo studio. “Un certo numero di specie è migrato verso i poli Nord e Sud, ma è poi tornato indietro ben prima dell’impatto dell’asteroide”. Molti scienziati – aggiunge l’autore – hanno ipotizzato che i vulcani avessero ricoperto un ruolo importante nel K-Pg, e ora stiamo dimostrando che non lo hanno fatto.

Dopo l’evento catastrofico

Un recente lavoro sui Trappi del Deccan, spiegano i ricercatori, ha suggerito però come queste enormi eruzioni avessero avuto un ruolo subito dopo l’estinzione di massa. “K-Pg è stata un’estinzione di massa e questo ha profondamente modificato il ciclo globale del carbonio”, commenta Donald Penman, che ha collaborato allo studio. “I nostri risultati mostrano che questi cambiamenti potrebbero aver consentito all’oceano di assorbire un’enorme quantità di anidride carbonica su lunghe scale temporali, forse nascondendo gli effetti di riscaldamento del vulcanismo all’indomani dell’evento catastrofico”.

Riferimenti: Science