Senso dell’olfatto, ogni naso ha i suoi odori

senso dell'olfatto

“Quella che noi chiamiamo una rosa, con qualsiasi altro nome profumerebbe altrettanto dolcemente”, affermava lo shakespeariano Romeo. In realtà molto probabilmente ognuno di noi sentirebbe un profumo diverso, almeno secondo i ricercatori del Monell Center di Philadelphia, che in uno studio, pubblicato su Nature Neuroscience, mostrano come fino al 30% dei recettori su cui si basa il senso dell’olfatto umano differiscono tra due diversi individui. La conseguenza? Ognuno di noi percepisce gli odori in modo leggermente diverso dagli altri.

Il senso dell’olfatto

Nell’essere umano il senso dell’olfatto dispone di circa 400 tipi di sensori specializzati, noti come proteine recettori olfattive, che collaborano insieme per rilevare una grandissima varietà di odori. “Capire come questo enorme gruppo di recettori codifica gli odori è un compito impegnativo”, ha commentato l’autore dello studio, Joel Mainland: “I pattern di attivazione di questi 400 sensori codificano sia l’intensità che la qualità di un odore, tutto questo ripetuto per le decine di migliaia di diversi odori che rappresentano tutto quello che annusiamo. Ancora oggi non sappiamo come questi pattern siano trasformati in un segnale che il nostro cervello percepisce come un odore”.

A complicare la faccenda si aggiunge il fatto che la sequenza di amminoacidi alla base del processo può variare leggermente per ognuna delle 400 proteine, facendo sì che ci possano essere più varianti per ciascuno dei recettori. Ogni variante reagisce agli odori in modo lievemente diverso, e ogni individuo ha una combinazione di recettori unica.

I recettori olfattivi

Per capire meglio il fenomeno e come questo influenzi la percezione olfattiva umana, Mainland e i suoi colleghi hanno eseguito una serie di analisi per misurare come i singoli recettori e gli individui rispondano agli odori, e hanno compiuto significativi passi avanti nel comprendere come l’intensità, la gradevolezza e la qualità delle molecole olfattive siano codificati.

Nel loro esperimento, i ricercatori hanno clonato 511 varianti di recettori olfattivi umani e li hanno inseriti in cellule ospiti, facilmente coltivabili in laboratorio. Successivamente, hanno misurato come ogni variante dei recettori reagisse a un gruppo composto da 73 diverse molecole odorose, identificando 28 varianti che rispondevano ad almeno una di esse. Gli scienziati hanno anche esaminato il dna di 16 geni dei recettori olfattivi, scoprendo una notevole variabilità tra di essi. Infine, usando alcuni sofisticati modelli matematici, i ricercatori hanno potuto stabilire che i recettori di due diversi individui differiscono di almeno il 30% (ossia presi due individui a caso, 140 dei loro 400 recettori reagiranno in modo diverso agli odori).

“Lo scopo finale è di capire come i recettori codifichino le molecole degli odori abbastanza bene da poter creare ogni odore che vogliamo direttamente manipolando i recettori” ha aggiunti Mainland, “e questo ci permetterebbe di digitalizzare l’olfatto”.

Riferimenti: Nature Neuroscience doi:10.1038/nn.3598

Credits immagine: Dennis Wong/Flickr

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here