Le mascherine potrebbero funzionare come un vaccino?

Il mondo continua nella sua corsa per trovare un vaccino sicuro ed efficace contro il nuovo coronavirus. C’è chi, come la Cina, accelera i tempi somministrando a migliaia di persone vaccini candidati che non hanno completato la fase della sperimentazione clinica, chi, come la Russia, ha approvato un vaccino ma non lo ha ancora distribuito e chi, come il presidente Donald Trump, pressa la comunità scientifica affinché ne abbia uno disponibile il prima possibile.

E c’è chi, invece, propone alternative, che a primo sguardo sembrerebbero essere un po’ provocatorie: usare le mascherine come una sorta di vaccino. Ad avere quest’idea sono i due ricercatori, Monica Gandhi e George W. Rutherford della University of California di San Francisco che in un lavoro pubblicato sul New England Journal of Medicine sostengono che oltre a limitare la diffusione del coronavirus, le mascherine potrebbero permettere a un piccolissima quantità di particelle virali di entrare nel tratto respiratorio di chi le indossa, aiutando così a immunizzare alcuni di noi contro il Sars-Cov-2.

La variolizzazione

La teoria appena descritta, ma non ancora dimostrata, è quella di esporre un individuo a un agente patogeno per generare una risposta immunitaria protettiva. Si basa, in particolare, sul concetto della variolizzazione, un metodo di protezione dal vaiolo che consiste nell’inoculare in una persona da immunizzare il materiale prelevato da lesioni vaiolose di pazienti non gravi. Dopo la diffusione della vaccinazione, questa pratica è caduta ovviamente in disuso perché, a differenza di un vaccino, è molto rischiosa: alcune persone inoculate, infatti, oltre a sviluppare una forma grave di vaiolo, potevano essere a loro volta una nuova e potenziale fonte di contagio.

Mascherine e vaccini

Per il nuovo coronavirus è ovvio che le mascherine non possono sostituire un vaccino efficace e sicuro. Ma potrebbe valere un discorso simile a quello del vaiolo. Alcuni studi, per esempio hanno dimostrato che esporre gli animali a piccole dosi di coronavirus genera forme leggere della Covid-19, mentre altri studi hanno evidenziato come l’uso della mascherina in luoghi affollati (come le navi da crociera) favorisce lo sviluppo di focolai in gran parte asintomatici. Dati tuttavia, che non dimostrano ancora come un’infezioni leggere o asintomatiche possano anche significare lo sviluppo dell’immunità contro il virus.

Le mascherine, sostengono i ricercatori, diminuiscono la possibilità di ammalarsi per chi le indossa, e se una piccola quantità di particelle virali riuscisse a oltrepassarle andando a finire nelle vie aeree, questa potrebbe spingere l’organismo a produrre cellule immunitarie in grado di ricordare il virus e restare in circolo per combatterlo nuovamente. “Puoi avere il coronavirus ma essere asintomatico, quindi con le mascherine puoi aumentare il tasso di infezioni asintomatiche. Questo, magari, potrebbe diventare un modo per inoculare in maniera sicura il virus nella popolazione”, spiega l’autrice del lavoro Monica Gandhi, sottolineando che ciò non significa assolutamente che le persone devono indossare le mascherine per inocularsi intenzionalmente il virus.

I rischi

Una teoria, tuttavia, che sarà difficile da dimostrare perché si basa su due presupposti, ovvero che dosi inferiori del virus portano a malattie meno gravi e che infezioni lievi, o asintomatiche, possono generare una protezione a lungo termine contro i successivi attacchi della Covid-19. Dati, entrambi, di non facile reperibilità e per ora ancora molto scarsi. Ma non solo: molti esperti, infatti, hanno mostrato dubbi e scetticismo sul ruolo delle mascherine come una sorta di vaccino, evidenziandone inoltre le potenziali conseguenze negative di una errata interpretazione.

Se intesa nel modo sbagliato, infatti, la teoria potrebbe mettere a maggior rischio chi indossa le mascherine, offrendo un falso senso di sicurezza, o viceversa, dando peso a chi crede che le mascherine siano del tutto inutili nel bloccare l’infezione. “Sembra un salto nel buio”, ha commentato al New York Times l’epidemiologo Saskia Popescu. “Non abbiamo dati per supportarla. Le persone devono continuare a seguire tutte le altre strategie di prevenzione”.

Via: Wired.it

Leggi anche: Covid-19, visiere e mascherine con la valvola non funzionano

Credits immagine di copertina: Mika Baumeister on Unsplash

Marta Musso

Laureata in Scienze Naturali alla Sapienza di Roma con una tesi in biologia marina, ha sempre avuto il pallino della scrittura. Curiosa e armata del suo bagaglio di conoscenze, si è lanciata nel mondo del giornalismo e della divulgazione scientifica. “In fin dei conti giocare con le parole è un po' come giocare con gli elementi chimici”.

Articoli recenti

Con mascherine e distanziamento lo carica virale è mille volte più bassa

Uno studio dell’Ospedale di Negrar (Verona) evidenzia la correlazione tra carica virale e gravità della…

1 ora fa

Le sette emozioni che modellano la personalità

Le tecnologie oggi disponibili ci permettono di far luce sui sistemi emotivi primari alla base…

9 ore fa

Quali sono le misure restrittive più efficaci contro il coronavirus?

La restrizione che ha funzionato di più è il divieto e il blocco di eventi…

19 ore fa

Covid-19 e terapie intensive, perché è così difficile allestire nuovi posti

Perché è così difficile mettere in piedi nuovi posti nelle terapie intensive? Quali sforzi sono…

2 giorni fa

Un esperimento per “stanare” il gatto di Schrödinger

Uno dei più famosi esperimenti mentali della meccanica quantistica potrebbe essere messo alla prova nel…

2 giorni fa

Perché i test sierologici non possono sostituire i tamponi

Test molecolari, antigenici e sierologici. Quali usare, quando e a che scopo? Anche gli amministratori…

3 giorni fa

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy.

Leggi di più