Lockdown, dall’Etna a Santorini, dall’Islanda alle Maldive, 40 escursioni in 3D

lockdown covid geologia vulcani barriera corallina escursioni 3d

Ritrovarsi, con un clic, sulle pendici di un vulcano attivo, sul fondo del mare in una barriera corallina, lungo faglie attive o all’interno di caldere vulcaniche. Dalla Grecia all’Islanda, dall’Italia alle Maldive, sono quaranta i siti che studenti, ricercatori o semplici curiosi possono ora esplorare con la realtà virtuale o video a 360°. A renderlo possibile è il Laboratorio di Realtà Virtuale per le Scienze della Terra – GeoVires dell’Università di Milano-Bicocca, che per supportare gli studenti durante il lockdown da coronavirus mette a disposizione i suoi “Virtual Outcrop“: ambienti reali fotografati in alta definizione con i droni e fruibili in realtà virtuale, on line, direttamente da casa, utilizzando degli appositi visori collegati a smartphone o PC. E chi i visori non li ha, può comunque esplorare i siti nelle tre dimensioni.

In volo sul vulcano o in fondo al mare con un click

Tanti gli aspetti scientifici che potranno essere esplorati: dalla tettonica attiva ai vulcani, dai fondali marini del Mar Mediterraneo alle barriere coralline dell’Oceano Indiano fino ai fossili in laboratorio. Ogni Virtual Outcrop è arricchito da un’apposita spiegazione, in inglese, e dall’indicazione delle pubblicazioni scientifiche di riferimento, così da guidare gli utenti attraverso la fruizione e la comprensione del sito geologico. C’è l’Islanda, terra di ghiacci e vulcani dai nomi impronunciabili, c’è la Sicilia con l’Etna, con la valle del Bove, i monti Sartorius, eruzioni storiche e attività recenti, c’è l’isola greca Santorini, che nell’antichità fu teatro di uno dei più grandi eventi vulcanici accaduti sulla Terra, e ci sono le Maldive, con riprese subacquee di atolli e barriere coralline in pericolo.

Lockdown, il tempo della condivisione

“Mai come in questo periodo è importante condividere materiale utile per diffondere la conoscenza, rendendolo utilizzabile e fruibile da quante più persone possibili, in particolar modo usando tecniche di realtà virtuale”, spiega Fabio Bonali, tra gli ideatori dell’iniziativa e ricercatore di Geologia strutturale.

GeoVires Lab nasce dall’esperienza maturata in due precedenti progetti, Argo3D e 3DTeLC, con lo sviluppo di un software mirato a consentire agli studenti di Milano-Bicocca di utilizzare la realtà virtuale immersiva per futuri studi geologici. A livello italiano, il laboratorio collabora con il consorzio interuniversitario CRUST, l’Università degli Studi dell’Insubria di Varese e l’Osservatorio Etneo – INGV di Catania; a livello internazionale l’Università di Atene e l’European Geosciences Union