Scienza: ecco le immagini più belle della settimana

immagini

Dagli asteroidi alle ondate di calore, passando per l’arrivo di AstroLuca sulla Iss. Nel mondo della scienza, anche le immagini aiutano a capire. Ecco, quindi, grafici, foto e video che raccontano le scoperte scientifiche di questa settimana, le più belle e interessanti che abbiamo voluto condividere con voi.

Un piccolo asteroide esploso nei cieli del Canada

A circa 30 chilometri di altezza e una velocità di 72mila chilometri orari, un piccolo asteroide di circa 30 centimetri di diametro è esploso nei cieli del Canada (Ontario e Quebec), frantumandosi a contatto con l’atmosfera e generando un bagliore simile a quello della Luna piena. A riprenderlo sono state le telecamere della University of Western Ontario, che collabora con il Meteoroid Environment Office della Nasa. L’esplosione del mini asteroide avrebbe poi provocato un pioggia di meteoriti, caduti nella campagna di Bancroft, in Ontario.

L’emozionante arrivo di AstroLuca sulla Iss

Gli emozionanti tweet di Luca Parmitano cominciano ad arrivare. Partito, insieme all’americano Andrew Morgan e al russo Alexander Skvortsov lo scorso 20 luglio per la Stazione Spaziale Internazionale, AstroLuca ha appena inviato un tweet commentando le fotografie della Soyuz in avvicinamento alla Iss, fatte dall’americana Christina Koch, in attesa dell’arrivo dei tre astronauti sulla stazione spaziale.

Ondate di calore sempre più frequenti e intense

(Foto: Esa)

“Troppo caldo da sopportare”. È questo il titolo dell’ultima agghiacciante immagine inviata dal satellite dell’Esa Copernicus Sentinel 3, che ha fotografato la tremenda ondata di calore che ha investito l’Europa questa settimana. Un caldo estremo che ha fatto registrare in molte città europee picchi di 39-40 gradi centigradi lo scorso giovedì, 25 luglio. Nella gif, inoltre, viene fatto il confronto con la precedente ondata di calore, quella del 26 giugno 2019.

I “click” dei turisti per salvaguardare la fauna selvatica

(Foto: Megan Claase, Rafiq et al./ Current Biology, 2019)

Leoni, zebre, iene e tanti altri animali selvatici vengono continuamente fotografati da turisti a bordo di fuoristrada, durante emozionanti safari. Fotografie che potrebbero fornire preziose informazioni e dati sul monitoraggio della fauna selvatica, comparabili ai metodi di rilevamento tradizionali, come le foto-trappole. Lo dimostrano i ricercatori dello studio, appena pubblicato su Current Biology,che hanno dato ai turisti piccoli Gps: in questo modo il team ha potuto localizzare molti animali selvatici con estrema precisione.

I 20 anni di Chandra: alcune immagini inedite per celebrarla

(Foto: Nasa)

Per celebrare i 20 anni appena compiuti dal Chandra X-ray Observatory (23 luglio 1999), la Nasa ha deciso di diffondere alcune sue spettacolari immagini inedite. Queste fotografie della Via Lattea, supernove, buchi neri, rappresentano le notevoli capacità di esplorazione spaziale di Chandra, dimostrando la varietà di corpi celesti che riesce a studiare e il modo in cui i raggi X riescano a completare con estrema precisione i dati raccolti da altri telescopi. Insieme a Hubble Space Telescope, Spitzer Space Telescope e Compton Gamma Ray Observatory, Chandra è uno dei “Grandi Osservatori” della Nasa. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here