Home Tags Fisica

Tag: fisica

Una stella in laboratorio

Un gruppo di fisici della Rice University di Houston, in Texas, è riuscito a riprodurre per la prima volta in laboratorio la cosiddetta pressione...

Il muone sfida il Modello Standard

La notizia è arrivata giovedì scorso dal Brookhaven National Laboratory di New York e se venisse confermata potrebbe mettere in discussione le fondamenta della...

Muore l’ultimo discepolo di Fermi

Lo ricorderemo per alcuni termini che appartengono ormai al linguaggio della medicina molecolare, come il Fattore-Fano e l’Effetto-Fano. Questa è parte dell’eredità che ci...

Luminose promesse

Da secoli affascina gli scienziati impegnati a studiarla e osservarla. La sua velocità è una costante universale, cardine della teoria della relatività di Einstein. Ma la luce non ha ancora finito di stupirci con le sue sorprese. E nei laboratori di tutto il mondo se ne studiano proprietà ancora nascoste, che in futuro potrebbero regalarci tecnologie rivoluzionarie. Dall’optoelettronica al teletrasporto, dal quantum computer alla crittografia quantistica

Chip e laser, fratelli di silicio

Computer economici, ma superveloci e grandi quanto una carta di credito. Telecomunicazioni via fibra ottica ancora più efficienti. Laser miniaturizzati impiantati direttamente nei microchip. Sono alcune delle meraviglie che si potrebbero realizzare con un laser al silicio. Ora, dai laboratori delle Università di Trento e di Catania arrivano risultati decisivi verso la sua realizzazione. Che oltre a destare l’interesse dei media, hanno attirato l’attenzione di finanziatori del calibro di George Soros. Galileo ha intervistato Lorenzo Pavesi, professore dell’ateneo trentino e tra gli autori della ricerca

E la luce si fermò

Fermata, conservata e poi fatta ripartire, come fosse una semplice particella atomica. E invece si tratta di fotoni, cioè di luce. A rallentare la...

Densità d’altri tempi

Temperature che hanno toccato i migliaia di miliardi di gradi. Materia con densità venti volte più grande di quella che si misura ordinariamente nei...

Lep: cronaca di una chiusura annunciata

Dopo un tira e molla durato parecchie settimane al Cern hanno finalmente deciso: il vecchio Lep chiude per fare posto a Lhc, un acceleratore di particelle di nuova generazione, fiore all’occhiello del laboratorio svizzero. Ma la decisione è stata più sofferta che mai. Negli ultimi mesi Lep aveva lasciato intravedere le tracce del bosone di Higgs, la particella a cui i fisici danno la caccia da anni. E alcuni ricercatori chiedevano di rinviare la chiusura per confermare definitivamente i risultati e battere sul tempo i colleghi americani del Fermilab. Galileo ha chiesto a Luciano Maiani, Direttore generale del Cern, i retroscena di questa difficile decisione

L’elettrone fatto a pezzi

I risultati di vecchi esperimenti rimasti nei cassetti per oltre trent’anni. Un ricercatore senza timore di andare controcorrente. Ed ecco la teoria bomba, che potrebbe minare le fondamenta della fisica quantistica: l’elettrone, finora ritenuto rigorosamente indivisibile, si può invece spaccare in due elettrini. Con questa idea ai limiti dell’eresia Humphrey Maris, della Brown University di Rhode Island, è riuscito a spiegare i risultati sperimentali ottenuti negli anni Sessanta in Minnesota. E a denti stretti i suoi colleghi devono ammettere che nessuno ha proposto una teoria migliore

Chiusura definitiva del Lep

Dopo undici anni di attività l’acceleratore di particelle Lep è stato spento definitivamente. Lo ha annunciato oggi Luciano Maiani, direttore generale del Cern, il...

RESTA IN ORBITA

Articoli più letti

FOCUS